Life

Permalink to Social Media per il B2B al Pane Web e Salame

Social Media per il B2B al Pane Web e Salame

I social media offrono grandissime potenzialità anche alle aziende che lavorano nel business-to-business. Anzi, il B2B è ancora meglio del B2C per un utilizzo professionale dei social network. È questo il messaggio che emerge forte dalla terza edizione di Pane, Web e Salame, conferenza che unisce web, innovazione, marketing e business nella capitale italiana delle startup. In rete trovate numerose cronache della giornata – vedi la rassegna stampa dell’evento – e tante belle fotografie. In questo post riportiamo quanto è emerso sul tema dell’utilizzo sei social media per raggiungere gli obiettivi di business nelle aziende B2B.

Il social media marketing nel B2B funziona veramente? È questa la domanda con cui Lara Ermacora, social media consultant in Open Knowlege, ha aperto il suo intervento. La convinzione di molti è che i social media siano strumenti adeguati alle aziende che si rivolgono al consumatore finale. In questo ambito ogni social network diventa uno strumento potentissimo per aumentare brand awareness, brand recall e brand advocacy. Ma è proprio la tendenza a vedere solamente gli strumenti e le tecniche che non permette alle aziende B2B di cogliere le opportunità offerte dal social web.

L’azienda è una rete di persone e interazioni, sia al suo interno che nei rapporti con interlocutori esterni – fornitori, clienti, collaboratori. Una visione olistica dell’ecosistema azienda abbinata alla capacità di pensare a strategie, anziché a mere tecniche, permette di sbloccare le enormi potenzialità messe a disposizione dai social media. A pensarci bene è proprio nel B2B che contano maggiormente le relazioni tra persona e persona ed è qui che si trovano, disponibili in azienda, le capacità di story telling e la conoscenza delle tecniche di relazione col cliente. Le aziende B2B sono già strutturalmente predisposte per attivare un’efficace azione sui social media.

Non va sottovalutata l’importanza dell’ascolto. I social network sono caratterizzati dalla conversazione e il loro utilizzo per meri fini di comunicazione unidirezionale dimostra la totale incomprensione della grandiosa rivoluzione in atto. Un utilizzo aziendale dei social network permette di attivare dinamiche di interazione con gli interlocutori esterni, generando dati e feedback preziosi per conoscere meglio i bisogni di clienti e prospect. Gli strumenti principali da utilizzare nel B2B, se proprio volete parlare di quelli, sono probabilmente la creazione di un blog con relativa attività di community building, nonché il buon vecchio Linkedin. Ma attenzione a non cadere nuovamente nella trappola: partite dalla strategia, non dagli strumenti!

Per concludere vi segnalo l’interessate case history di strategie social nel B2B messa a disposizione da Open Knlowledge. Anche qui in OfficinaStrategia stiamo portando avanti alcuni progetti che racconteremo presto sul nostro blog. Il prossimo caso di successo – da raccontare al Pane, Web e Salame 4 – potrebbe essere quello della tua azienda 😉

 


Seguici sui social network:

Friend me on FacebookAdd me to your circlesFollow my company on LinkedInFollow me on TwitterWatch me on YouTube

Newsletter

l'asterisco * indica un campo obbligatorio

Le nostre foto

  • Meanight IV edizione: fallimento è...
  • Meanight IV edizione: fallimento è...
  • Meanight IV edizione: fallimento è...
  • Meanight IV edizione: fallimento è...
  • Meanight IV edizione: fallimento è...
  • Meanight IV edizione: fallimento è...
  • Meanight IV edizione: fallimento è...
  • Meanight IV edizione: fallimento è...
  • Meanight IV edizione: fallimento è...